INFO UTILI

Conoscere il cashmere

Un pò di storia del cashmere

Il cashmere (nome inglese) o cachemire (nome francese), in italiano adattato di rado come casimiro, casimira, casimirra o cascimirra,  è una pregiatissima fibra tessile formata con il pelo di Capra hircus.

La mano del cashmere è morbida, setosa e vellutata, dà una sensazione calda e soffice.

Il suo nome viene dal Kashmir

regione storica attualmente divisa tra India, Pakistan e Cina, da dove si esportò verso l’Europa sin dall’inizio del XIX secolo.

Per raccoglierlo si esegue una pettinatura manuale del mantello durante la stagione della muta, che avviene in primavera. La produzione si aggira in media tra 100 e 200 grammi di pelo fine per ogni animale adulto.

Le capre vivono nelle regioni montuose e degli altipiani dell’Asia. I paesi fornitori più importanti sono: Iran, Mongolia, Tibet, e Afghanistan. Modeste quantità vengono prodotte anche dalla provincia pakistana del Kashmir.

Le qualità uniche del cashmere

Il Cashmere è un prodotto sempre di tendenza, ricco di qualità benefiche e adatto ad ogni stagione.
Fra le sue qualità uniche:

E’ morbido e soffice: a differenza delle imitazioni non genera alcun fastidio sulla pelle

Mantiene una temperatura costante: grazie alla termoregolazione è adatto sia alla stagione fredda che a quella calda

Assorbe l’umidità: per questo è un tessuto traspirabile

E’ igienico: non attira la polvere né i campi elettromagnetici

E’ una fibra rara e preziosa: 10 volte più caldo e leggero della lana di pecora

E’ riconoscibile: il vero cashmere è composto da 2 fili ritorti: 2ply (e non ad esempio 1ply)

E’ da indossare con cura: mai indossarlo 2 giorni di seguito, ma farlo riposare e arieggiare almeno un giorno